Set
30
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 30-09-2010

Da Corriere della Sera.it -Paola, fissato il trapianto. La sorella, unica compatibile al 100%, non se la sente-

Dietro l’apparente normalissima e neutra esigenza di diffondere normalissime news. Senza nulla conoscere e sapere della persone, delle loro fragilità, delle loro debolezze, delle loro inadeguatezze a vivere la modernità secondo i suoi obbligati canoni.  Con l’assoluta pretesa di, a quei canoni, attenersi e adeguarsi, pena l’ostracismo sociale e la messa al bando e la generale riprovazione e la scarnificazione mediatica delle mediatiche iene a suon di commenti in calce agli articoli sui blog. Senza nulla sapere di quell’anima, di quella singola sensibilità, di quel singolo, più o meno giustificato terrore. Intimando pronte e inderogabili giustificazioni. Inquisendo quella singola smarrita coscienza. Giudicandola e sommariamente condannandola ad istantanea lapidazione.

Sangue, midollo, rene, pezzi di fegato e altre frattaglie da donarsi. È il minimo indispensabile che una società senza cuore pretende e reclama ed esige da te, sancendo una sorta di obbligatorietà del dono.

Senza cuore.

Set
29
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 29-09-2010

Da Il Giornale.it - Emergenza rom, Maroni: “A loro no case popolari, espulsi anche comunitari”-

E chi non se lo ricorda l’ispirato Maroni di qualche anno fa a Porta a Porta (e dove, se no?) alle tastiere che con uno dei Pooh, pigiando coi ditini sui tastini, intonava un pezzo che mirava alle corde dei sentimenti più profondi: tra splendida armonia e lancinante e canaglia nostalgia, le sopracciglia a tettuccio, lo sguardo trasognato, la bocca semichiusa a rimembrar… E che sensibilità, e che nobiltà d’animo, e che spirito ispirato che veleggia con leggiadre note nei mari perigliosi delle più intime emozioni, e che… cazzo!

Secondo una linea usata ed abusata che si identifica in una sconnessione della ragione al cuore. Praticando di fatto una secessione degli spiccioli interessi (salvarsi comunque il culo e rubacchiare facili consensi con le più becere maniere) dalla minima ragionevole decenza. Trasformando di fatto una instabile centralistica coscienza in una confederazione di sbigottiti isolatissimi neuroni.

E patapim patapum…

Set
28
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 28-09-2010

Da Il Messaggero.itVideo choc, soldato Usa confessa: sparai per gioco sui civili in Afghanistan-

Normale banalità del male. Al di là delle ciarle sulle esportazioni di Democrazie e/o di Civiltà. Normale che nell’animo umano resista inalterata una belluina disposizione ad adattarsi alle condizioni le più disperate. Il cinismo “professionale” di chi si trova a condividere forzatamente e quotidianamente, ora per ora, minuto per minuto, le sconfortanti situazioni di vite al limite. Dove la sofferenza e l’abominio diventano tragiche abitudini e le assuefazioni all’orrido una difensiva forma di negazione di quello stesso orrore.  Viene difficile e complicato, per dire, definire etico, bombardare e uccidere e bruciare e mutilare uomini donne e bambini nelle “normali” operazioni di guerra…

Mentre gli impliciti mandanti di questi crimini efferati si stanno serenamente godendo la meritata pensione.

Set
27
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 27-09-2010

Da Corriere della Sera.it- Montezemolo, duro attacco a Bossi: Lega corresponsabile delle non scelte-

Lui no. Lui che, fino a poco fa, dallo scranno di capo degli industriali e comunque da, più o meno degno, più che rappresentativo, rappresentante della Classe Dirigente di questo bizzarro Paese, ha di fatto, non apertamente contrastandole, avallato tutte, una per una, le scelte scellerate della restante classe dirigente. Mai prima si è scomodato per ridicolizzare le tragiche ridicolaggini dei legaioli dal 2001 azionisti di maggioranza (due anni di breve ininfluente interregno prodiano esclusi) di una fallimentare maggioranza di sgoverno. Sopportando i celtici folclori e la deriva razzista e la sostanziale inconcludenza di Governi sorretti solo dai proclami, dai giochetti di parole sui dati statistici, dai sapienti spot lasciati trapelare dai media (sui quali una qualche voce in capitolo, pure il bronzeo facciale Montezemolo l’avrebbe anche avuta) grandemente inerti quando non apertamente asserviti.

Insomma, il duro attacco viene da anni di insistito ed imperterrito barzottismo…

E dunque…

Set
26
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 26-09-2010

Da LA STAMPA.it -Anche Grillo cavalca i sondaggi-

E l’aria fritta anche. Nel senso di cavalcare. Recuperando qualche dissenziente di qua, qualche bollito di là, qualche mugugnante di su, qualche bofonchiante di giù. E traversando e superando le buche più dure (sì, viaggiare…) e alla fine della corsa ammonticchiando un gruzzoletto del, facciamo 3% di duri e puri da assommare al 6% di puri e duri dipietrini (noi dell’italiadeivalori, come direbbe Guzzanti)  e da affiancarsi, a discreta distanza di sicurezza, al PD…  E… Eh… E… Sì, no, boh. Per? Per organizzare nel tempo una Altra Politica (toh!?!) . Dieci anni? Venti? Trenta?

John Maynard Keynes  ha detto: “Nel lungo periodo saremo tutti morti“.

Set
25
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 25-09-2010

Da Famiglia Cristiana.it - Scuola, entra l’educazione militare-

A forza di minimizzare e di alzare le spalle e di alludere alle coloriture e al “folclore” di certi personaggi totalmente ANALfabeti riguardo ai minimi principi che identificano una democrazia, ci ritroveremo a breve (o già ci siamo) con la… cacca al collo. Sarà interessante, se non altro, vederli gli Ostellino e i Galli Della Loggia e i Panebianco e e i Ricolfi e i Romano e tutti gli altri liberali col ciuffo pari loro quando il livello della “sostanza” chiuderà la bocca pure a loro. E ovviamente non sarà una legge speciale o il manganello. Macché. Sarà la lenta inesorabile discesa agli inferi della indifferenziazione e dell’indifferenza. La quotidiana abitudine (ogni giorno un piccolo passo) al degrado civile ed umano. Fino alla tacita accettazione della bestia egoista che sta in ognuno di noi…

Ridendo e scherzando. Minimizzando e sdrammatizzando.

Fino a…

Set
24
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 24-09-2010

Da Corriere della Sera.it- Il governo ai finiani: «Falsità sui Servizi»-

Dal semplice fatto, data la stravagante tradizione di credibilità che il plutocrate negli anni si è conquistato, che il “Governo affermi” la “Falsità sui Servizi” se ne ricava che… è tutto Vero. Giurasse sulla testa dei suoi poveri figli, si avrebbe la pistola (oltre al pistola) fumante. Come disse a suo tempo Montanelli, non si tratta neppure di bugie e di spergiuro: talmente immerso in quella sua esclusiva realtà, la malafede diventa il segno distintivo della sua totalmente dissimulata personalità.

Il fatto grave è che, essendo quell’ometto fenomenico pertinente al mondo in cui ciascuno di noi ha “scelto di vivere” (cfr. la teoria del Multiverso) se ne può dedurre che nostra e solo nostra è la masochistica stupidità…

Set
23
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 23-09-2010

Da Libero.it -Unicredit, il leader leghista, Umberto Bossi, manifesta il proprio timore per gli incombenti tedeschi-

Ovviamente il democristiano Bossi non si riferisce al Gotti Tedeschi presidente del tristemente ricorrente I.O.R, banca vaticana al centro di nuove indagini… bla bla. Si riferisce all’auspicata e ottenuta cacciata da parte dei verdi amichetti suoi, del celebrato Profumo da Unicredit… Quello (40 milioni di buonuscita, pora stela), insomma. Si tratterebbe solamente, per i bauscia legaioli, di far collimare il proprio pensiero (parola grossa riferita ai portatori di mutande verdi) col … proprio pensiero (idem). Sembra che anche il loro interessato mentore (Tremontino, chi altri?) rendendosi conto delle castronerie degli amici alleati abbia manifestato il suo disappunto. Dunque, se nei prossimi giorni si scorgesse il sindaco di Verona, Flavio Tosi, passeggiare sulle rive dell’Adige  privo di un qualche lobo auricolare, facile risalire al colpevole di tanto scempio. Tanto scempio si fa per dire. Se si ha presente la lombrosiana  faccia del suddetto sindaco nonché legaiolo e leghista perfino.

A queste faccende, non da ora si è delegato a rispondere l’ingiustamente negletto, mai troppo rimpianto, Cesare Lombroso.

Basta così.

Set
22
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 22-09-2010

Da LA STAMPA.it- Ricerca Intel sui desideri italiani: tv intelligente e 3D-

Naturalmente i giochi linguistici a suon di ossimori e paradossi stanno a dimostrare l’avvenuto completamento della traiettoria parabolica del linguaggio nella storia umana: terminata la funzione primaria di forma di comunicazione tra gli uomini sta ora a testimoniare lo smarrimento dell’Uomo di fronte al Nulla. Basta assistere ad un qualsiasi dibattito tra opposte fazioni per verificarlo: nessun inoppugnabile dato, nessun dirimente argomento, nessuna inattaccabile certezza. Tutto a livello di disputa avvocatizia tra opposti interessi. Siamo al relativismo assoluto.

Per dire? Per dire che una tv intelligente, passi. Ciascuno giudicherà per sé. Ma una tv 3D? Per dire: vedersi ad un palmo di naso le vene ingrossate, gli occhi fuori dalle orbite, la schiuma alla bocca e la figura tutta di uno Sgarbi al massimo della sua  veemente rabbia oscena e consueta e demente. Le sue isteriche urla magnificamente ascoltate in  un efficacissimo sensurround

Eh, la tecnica, direbbe Emanuele Severino.

Set
21
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 21-09-2010

Da LA STAMPA.it -Svezia, xenofobi in Parlamento-

Come previsto, come al solito, come sempre, la stragrande maggioranza civile ed emancipata dai residui belluini che pure albergano i profondi re-cessi dell’animo umano, con la sagacia tattica di un Napoleone a Waterloo, immediatamente dopo un prevedibilissimo rigurgito di normale indecenza, circoscritta e limitata a fisiologiche proporzioni (poco meno del 6%), la restante maggioranza (94%),  pur variegata e divisa ma pur sempre unita nel rifiuto di quella specifica sconcezza,  si adopera e si industria e si ingegna a fare di quei trascurabili cretini il centro del dibattito prossimo venturo. Un geniale modo per permettere loro di allegramente crescere e moltiplicarsi.

Come sempre, come al solito, come previsto.

Prerogativa della ragione sembra essere il suicidio.

Della ragione, se non altro.

Set
20
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 20-09-2010

Da La Repubblica.it-  Dio e lo scienziato / la formula della creazione-

Da The New York Times.com -Many Kinds of Universes, and None Require God-

Dal Blog di Riccardo Chiaberge -Cari laici, rompiamo il tabù della religione-

Intorno, sopra, sotto, per, verso, contro e tutto il resto. Dio. Per sempre. Il mezzo dei nostri indefiniti fini. Il mistero e la muta angoscia della muta domanda di senso. E le parole. Le troppe parole al di là dalle quali (si sfida a dimostrare il contrario) Nulla esiste. E dunque Nulla esiste di là dall’illusione di realtà. E la realtà non sembra essere null’altro che la rudimentale accozzaglia degli infiniti mondi paralleli che stanno dietro ogni infimo singolo istante percepito da ogni infima singola sensibilità di ogni infima singola vita.

Dal Big Bang al Big Pluff.

Ah, dio d’io…

Set
19
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 19-09-2010

Da Il Corriere della Sera.it-Tremonti e la questione energetica: «L’eolico? Un affare di corruzione»-

È per un mero dato statistico che ad una qualsivoglia idiozia sparata a caso nello spazio profondo della superficialità tutta umana che sta su questa terra martoriata, sia data nel breve una conseguente idiota risposta. Non è certo merito di chi solleva, per amore di paradosso e sguardo di noia, una retorica osservazione riguardo ad una questione, che qualche improbabile genio, per motivi riconducibili più a rancori personali (leggasi: totale disistima, se non odio, per il coordinatore Verdini) che a disincantata analisi, confermi a breve che, in effetti, sì, qui, meschinamente, stiamo.

Set
18
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 18-09-2010

Da Corriere della Sera.it -Veltroni, in 75 firmano il documento. Gelo Bersani: «A me va bene tutto»-

Il trio degli Oni (Veltr-Fior-Gentil) (tri cogli oni oni oni, beh) sagacemente agisce nel momento di maggiore debolezza degli avversari (quelli di là dal muro) per affondare il colpo sui veri nemici (quelli al di qua del muro). È quel Veltroni (oni oni oni) che dopo tanti tormenti e innumerevoli sopportazioni (oni oni oni), decide finalmente di affrancarsi dalla abusata e loffia etichetta di buonista se pure contravvenendo in minima (si fa per dire) parte alla solenne promessa concessa al momento delle dimissioni (oni oni oni) : Non farò mai ad altri quello che altri hanno fatto a me.

L’ha fatto.

Set
17
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 17-09-2010

Da Il Riformista,it -Carrocciopoli: Cinque fanciulle padane assunte alla Provincia su 700 domande-

Eccoli lì. Qui. Là. Ovunque al nord. Talmente radicati sul territorio e legati alle loro tradizioni tipiche da non poter certo dimenticare le loro origini di fulgidi e imperterriti democristiani. Adusi all’occhiolino e al colpo di gomito e all’ammicco. Per dire che si fa, si combina,  ci si accorda, si trova la soluzione. E quelle che erano faccende di pertinenza del  prete, adesso è il boss(ino) col verde fazzolettino che spunta dal taschino che si prende la briga di sbrigarle. Ci si adatta, insomma, alla complessità del momento. E –per dire- se ieri il Bossi, esasperato dai mugugni del Prof. Gianfranco Miglio, troncava la discussione con l’insigne, fulminandolo con la conclusiva definizione di «Scoreggia nello Spazio» adesso, che dalla Filosofia si è passati alla Governance, al Prof. Miglio ( nel mentre, discretamente defunto) dedicano monumenti e scuole. Debitamente bardate, le scuole, da verdi rosoni e altre verdità. Nel nome di una specificità padana furba e democristiana.

Gattopardesca anche.

Set
16
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 16-09-2010

Da Le Figaro.fr- Berlusconi : «Je soutiens Sarkozy»-

Evidentemente distratto dal nome del giornale l’anziano premier… al solito.

La questione invece, a differenza di quello che afferma B., è di una tale semplicità che perfino il bolso ometto nostro e l’azzimato presidente francese la possono ragionevolmente intendere: ogni decisione riguardante gruppi di persone accomunate da etnia, credo religioso, colore della pelle, conformazione del naso, eventuale circoncisione del pene, misure dello stesso, stesso tipo di copricapo, lingua, altezza o peso e qualunque altro elemento che a discrezione esclusiva del decisore assuma carattere di specificità tale da comportare le successive disposizioni e quando queste disposizioni abbiano a che fare con adempimenti politici o polizieschi o giudiziari, ogni decisione di tal fatta non può non essere catalogata come illegittimamente discriminatoria e razzista.

Con tutta l’antipatia che se ne può avere per la cultura e per il mode de vivre, tutti basati su una furbizia piagnona e predatoria e conclamato parassitismo figlio di un’atavica miserabilità, di questi popoli, l’autorità statale non può che agire secondo criteri esclusivamente individuali. Se, invece dell’affrontare  la situazione “caso per caso” si adotta il metodo dei rastrellamenti “casa per casa” e la conseguente deportazione, l’accostamento coi metodi nazisti non può che tornare di default.

Punto.

Set
15
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 15-09-2010

Da La Repubblica.it- Il boss e il ‘signore del vento’ la mafia nella green economy-

Sperando non si voglia tracciare un forzato e indebito e un po’ anche coglione, parallelo tra l’energia eolica e il malaffare. Cosa che ha tentato subdolamente di fare il sempre prezioso vulcanico (si deve sempre dire così) Prof. Vittorio Sgarbi  da Ro (Fe). Per chi non lo avesse del tutto presente il professore è praticamente una bava capelluta urlante. Urlante a prescindere. Abbastanza noioso anche. Ultimamente, l’esimio, ce l’ha a morte coi questi nuovi mulini a vento che a suo dire (d’ire) deturpano irrimediabilmente il nostro patrimonio paesaggistico. È la stessa polemica che a suo tempo s’è fatta contro i pannelli fotovoltaici istallati sui tetti dei centri storici. Già. Non fosse che da sempre per le facciate e tetti invasi e rovinati da antenne e parabole televisive e dagli ingombranti e rumorosi climatizzatori, il distinto non ha aperto bocca e se, comunque, l’abbia fatto sicuramente la polemica non ha mai assunto i toni veementi che va sfoderando per le pale eoliche. Che sono reversibili e smontabili e cancellabili. Per cui se danno vi fosse è del tutto rimediabile.

“Se”danno. Ché solo un occhio malato di fanatico bisogno di purezza e d’assoluto può vedere scempio dove invece si impone l’”Estetica dell’Etica”. Dove chi vuole e sa, assiste al dialogo di un futuro inoffensivo e innocuo e sobrio (e, si ripete, reversibile) con la potente bellezza della natura circostante. In totale armonia.

Magari l’insigne distintissimo e pregiatissimo prof. sa che la bellezza quando fissata in rigidi canoni, magari stabiliti secondo il ghiribizzo fanatico di presunti puristi del bello (la cui - del bello, non dei puristi – relativa volgarità (o sublimità) dipende sempre dal contesto e dall’occhio di chi osserva), magari scade nel kitsch.

Magari, bum.

Set
14
Filed under (lo sputo del cuculo, Società) by minimax on 14-09-2010

Da The Daily Telegraph.co.uk- Silvio Berlusconi: tells young women to go for older ‘loaded’ men-

Il bolso ometto di sgoverno nostro unico e solo non rinuncia a sparare la sua cazzata quotidiana. Mentre è impegnato in una invereconda campagna acquisti intesa ad annettere alla maggioranza vari (nel senso che si dà agli ortaggi sul banco del mercato) esponenti dell’opposizione. Tra i quali spicca un tale Nucara, segretario di un partito (PRI) che evidentemente è dall’acronimo che trae la sua ideale (e onomatopeica) ispirazione (pri). Mentre una motovedetta italo-libica ispirata al premier e “controllata” da sei finanzieri (intesi come Guardia di Finanza) simpaticamente esprime i sensi della fratellanza italo-libica (appunto) sparando sulle fiancate di pescherecci siciliani.

Mentre nello stesso convegno invita i giovani italiani a non temere di espatriare per trovare fortuna…

Mentre…

Delle due l’una: o “quello” è un genio ad uso di cretini o è un cretino ad uso di geni (tutti suoi, ovviamente).

Set
13
Filed under (lo sputo del cuculo, Società) by minimax on 13-09-2010

Da Corriere della Sera.it- La scuola «appaltata» alla Lega. Il marchio del sole su banchi e cestini. Il sindaco di Adro: il paese mi segue-

Certo che il paese lo segue. Come i topi seguono il pifferaio più o meno magico. Come ogni popolume si lascia attrarre dagli slogan nazistoidi del primo stronzo che, buttata a mare ogni forma di elementare elaborazione  e di inibizione all’inciviltà, altro non ha a cui ricorrere che ad una forma primordiale (si fa per dire, siamo al tribalismo) della politica: NOI e loro. Dove “loro” sono di volta in volta quelli di altro continente, altra religione, altra lingua, altro stato, altro dialetto… fino ad arrivare ad un indefinito “altro”. Dove l’altro diventa l’altro da sé, punto. Dove la famosa (famigerata, piuttosto) identità consiste nel riconoscersi in simboli, bandiere, colori. Per escludere, discriminare, differenziare, classificare, selezionare. Secondo una già vista ideologia spicciola orribile e ripugnante.

Nazista.

Set
12
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 12-09-2010

Da LA STAMPA.it- Emma Bonino:”No ad un Ulivo con i vecchi partitini”-

La Emma alza il ditino e impartisce l’ennesima lezione al PD, al centrosinistra, agli oppositori tutti,  agli italiani, al mondo. Non contenta di stare in un partito che nel tempo ha sdoganato ogni sorta di idiozia mediatica (peggio, televisiva, perlopiù) per propagandare le tesi, pur largamente condivisibili, che andava sostenendo. Buffonate che vanno dai bavagli alle pornostar, agli appelli all’astensione, agli appoggi furbi ora al pentapartito di craxiana memoria, ora al plutocrate  botulinizzato e via s_concionando. Un partito che pure detiene il primato di allegri furbi e gran voltagabbana che dalle loro fila si sono disciolti nel gran mare (un po’ repellente a dire il vero) della politica italiana tutta. Da Radical Web.org si riporta l’elenco di alcuni degli “ex” confluiti altrove: Bresso, Rutelli, Pecoraro Scanio, Roccella, Stracquadanio, Vito (Elio), Calderisi, Capezzone, Taradash, Quagliarello, Pera, Meluzzi…

Capezzone, Rutelli, Roccella, Vito (Elio), Stracquadanio, Quagliarello, Pera..

Vito (Elio), Stracquadanio, Quagliarello e Capezzone.

Vito (Elio), Stracquadanio, e Capezzone.

Vito (Elio) e Capezzone.

E Capezzone.

Dio bonino…

Set
11
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 11-09-2010

Da Il Messaggero.it- Bossi: portiamo i ministeri al Nord e Sud. Alemanno: boutade. Zingaretti: ora basta-

Non ce ne fa passare una liscia il druido di Gemonio.  Nel senso che non lascia passare giorno senza tralasciare di fracassarci gli zebedei con le sue “simpatiche” trovate. Nel mentre che tratta di ministeri e di ampolle pellegrine che, riempite sul Monviso, saranno versate direttamente in Adriatico (il dio Po ringrazia per la fatica risparmiata). Nel mentre che trova tempo e modo di innalzare diti medi e profferir pernacchie ad uso degli astanti e dell’italico popolo tutto.

Resta il mistero di come e perché un tale bizzarro personaggio possa arrivare ad indirizzare, secondo i suoi cangianti umori e le sue malferme idee, il percorso di una intera nazione. Perché, a dire il vero al di là dei proclami roboanti e razzistici e tromboni, in tutti questi anni questi “innovatori della politica” hanno riformato nisba de nada. Nessuna trippa per gatti. Nessun evidente beneficio per la spicciola vita, non solo degli italiani, ma degli stessi padani. Per dire che sotto il fazzoletto verde e dietro la cravatta verde e dentro la zucca verde, oltre le verdi parole,  niente.

Scriveva Leo Longanesi che: “Tutte le rivoluzioni cominciano per strada e finiscono in trattoria”.

Se ne potrebbe concludere che anche stavolta, come al solito, come sempre, siamo arrivati all’… amaro (rutto compreso).

Prosit.

Set
10
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 10-09-2010

Da Il Giornale.it -Bonanni, Brunetta: “Anima squadrista del Pd”-

Sì. Beh, si capisce. Brunetta. Il Ministronzo alla Funzione Pubblica dà degli squadristi a quelli del PD perché non hanno impedito a quattro deficienti di limitarsi a contestare il contestabilissimo Bonanni con le armi della critica e non con la critica delle armi (fumogeni, vabbè). Che sarebbe come addebitare al PDL l’aggressione subita da quel pezzo d’uomo del Berlusca a Piazza Duomo dal Massimo Tartaglia a mezzo di lancio di duomo ad altezza d’uomo (basso, però).

Sì, vabbè.

Comunque, abbandonando Brunetta ai suoi deliri di piccolo sciacallo della “destra per male” (“élite di merda” comprese), con tutta l’antipatia per Bonanni (e peggio ancora per Schifani, ovvio)  la domanda, circa l’analfabetismo politico di certi “eroi della rabbia” che coi loro comportamenti a dir poco idioti (la stessa lievità del reverendo Jones che dalla Florida diffonde messaggi di fede bruciando corani)  riescono ogni volta a spostare il dibattito sui temi preferiti da Brunetta (con rispetto parlando),  la domanda, si diceva, quella di sempre, resta tutta:

A cosa servono (a chi giovano) i fanatici cretini?

Set
09
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 09-09-2010

Da Il Giornale.it- Florida, una chiesa evangelica nella tempesta: “Ricordare l’11 settembre bruciando il Corano”-

Non è che sia poi questa grande novità che qualche idiota, in nome del suo Dio creatore di tutte le cose, pensi ed agisca  e si industri per distruggerne, un bel po’ di cose in questo piccolo martoriato angolo di Universo. Tanta è la fatica che si è fatta per raggiungere in piccole oasi di civiltà, un grado di tollerabile, e pur precaria, umana convivenza tra diversi. Tanto è lo sforzo quotidiano per contrastare grandi masse ancora intrise di tribalità (lapidazioni di Stato (?) comprese). Tante ancora le bestie fameliche disposte a sacrificare alla loro stupidità l’intero mondo conosciuto…

Anche se?

Anche se, comunque, l’idea non è poi tanto male. Constatati i danni che da sempre arreca ogni tipo di Libro Sacro (?). Sarebbe buona cosa, in ogni modo, che ciascuno si prendesse la briga di, intanto, cominciare il rogo dal proprio maledettissimo (!) libro sacro (?).

Set
08
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 08-09-2010

Da Corriere della Sera.it -Federmeccanica disdetta il contratto nazionale del 2008-

Toh?!? Dopo la cura Marchionne si rivedono i padroni(sic). Che, con non comune sprezzo del pericolo (Maramaldo è un bluff rispetto a questi eroi) dispensano calci sui denti dei loro pur remissivi dipendenti. Che straparlano senza morire di vergogna di concorrenzialità e competitività. In uno dei paesi europei dove, tra i primi che si era per livello dei salari, ci si ritrova, ri-toh!?! a fondo classifica. Comprensibile ci si ritrovi in queste miserevoli condizioni visto che i ceti medio bassi sono anni che affidano la difesa dei propri interessi o al riccastro plutocrate interessato più che altro a farsi , e bene, i suoi di affaracci o ai suoi sgherri leghisti campioni del mondo nell’infinito abuso d’armi di distrazione di massa.

Sarà interessante, al di là delle beghe delle opposte tifoserie raccolte intorno a certe facce, guardarne altre, di facce. Di quelli che, in un attimo di marziana resipiscenza scoprono d’avere speso la gran parte della loro povera vita a martellarsi i coglioni.

Cincin

Set
07
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 07-09-2010

Da LA STAMPA.it -Mentana da record: il tg di La7 vola.”Ho convinto i delusi dalla vecchia tv”-

Dice? Sicuro? Vecchia? O non piuttosto che al TG La7, al confronto, nella stessa fascia oraria, con le due ammiraglie (TG1 di minzolingua e TG5 di berlumimo) dell’informazione paludata (nel senso di palude e di caimano) facile viene, senza nemmeno darsi gran pena a rubare spettatori ai diretti con_correnti,  vincerla sul piano, se non della credibilità, almeno su quello della pubblica decenza. Non è che Mentana abbia dismesso i panni del furbetto dalle mani sempre troppo pulite (vedi alla voce “Ponzio Pilato”). Come sempre, e mai come ora, è questione di saper dare alle parole il senso che più torna comodo. E se adesso, mentre all’orizzonte s’intravede un “fine impero ” dagli incertissimi esiti, il trend, nella élite fighetta con sopracciglio alzato, sta nel dare contro a tutti e mantenersi nel più spericolato (si fa per dire, tutt’altro è) degli equilibrismi…

In assenza di vento stanno afflosciate le bandiere.

In attesa…

Set
06
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 06-09-2010

Da Corriere della Sera.it- Fini: «Il Pdl non c’è più, nuovo patto per il governo»-

Mira che bello a Mirabello il signor Nessuno dà il meglio di sé, generosamente elargendo e modi e mezzi senza mai arrivare, come suo solito, ai Fini. Toni modulati secondo le classiche ipostazioni del classico oratore: i tremolii pacati e cadenzati della voce che scivolano nel crescendo che prepara l’applauso. Le mani,  appoggiate al leggio, alternatamente alzate, a tagliare l’aria e a disegnare spirali. Il busto che, a scatti, gira su sé stesso trascinando il piede che rimane pronto a rigirar sul tacco, a rivolgere lo sguardo e a dedicarsi ora a destra (sic), ora a sinistra (re-sic), ora al centro (re-re-sic) della succube platea. Ma, come al solito, sotto il discorso, niente.    Deve essere il famoso carisma che da sempre  misteriosamente avvolge la grigia figura del miracolato Fini. Ogni tanto succede ce se ne accorga della pochezza di certi “carismatici”. Aria fritta ben confezionata. La chiacchiera di Fini è “svelata”.

Si scopriranno mai i soldi di Berlusconi, unica fonte del suo celebratissimo carisma?

Cantava Mina:

ma che bontà, ma che bontà,

ma che cos’è questa robina qua,

ma che bontà, ma che bontà,

ma che gustino questa roba qua,

ma che bontà, ma che bontà,

ma che cos’è questa robina qua,

ma che bontà, ma che bontà,

ma che gustino questa roba qua,

Cioccolato svizzero?

No?

Cacao della Bolivia?

No?

Ma che cosa sarà mai questa robina qua.

Cacca!?!?

Set
05
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 05-09-2010

Da LA STAMPA.it- “Google conta più di un Paese del G7″ Tremonti: ma chi può controllarlo?-

Cos’è? Facciamo i furbi? Ci interroghiamo sugli indubbi problemi insiti nello strapotere di Google e fingiamo sia ininfluente il potere (mediatico, finanziario, e chi più ne ha…) del plutocrate nostro unico e solo? Spalleggiato dall’apposito e consueto Bertinotti, il tartufesco e scaltro Ministro prova a far piedino alla sinistra. Volando alto. Parlando d’altro rispetto ai problemucci nostri ora e qui. Immaginando una realtà altra in altro Paese. Oltre la fogna. Oltre i miasmi i fetori e le puzze che quotidianamente ci propinano i Pro-fumieri della Libertà (PDL). Con la graziosa complicità dell’”intelligente” Tremonti.

Veh!

Set
04
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 04-09-2010

Da Il Giornale.it - «Stephen Hawking ci dice com’è nato l’universo Ma non affronta il perché» di Stefano Zecchi-

Ricordato per l’ennesima volta che al di là delle spicciole speculazioni che non hanno altro scopo che gratificare le piccole vanità (superbe e inutili cose) umane, il Grande Mistero ( come lo definirebbe il Piccolo Principe) tale rimarrà per nostra breve eternità, l’obiezione del filosofo al fisico-matematico (perché?) finisce per confermare l’apodittico e pur argomentato assunto della convenuta conclusione circa il “principio primo”: «Non serve Dio per creare l’Universo».

La ragione, l’intelletto, il linguaggio e i sensi tutti umani (e troppo umani)  davanti alle dannate domande che solo la ragione, l’intelletto, il linguaggio e i sensi tutti umani possono porre a sé stessi e al cielo, si danno varie risposte. Spesso facili, spesso comode, spesso idiote.

I misteri (e dunque anche il Mistero) vanno indagati e risolti e possibilmente spiegati in un ambito di consapevole limitata comprensione. Qualche volta vanno accettati così come sono. Non andrebbero mai banalizzati. Per rispetto della minima logica e del banale buonsenso.

Le religioni tutte ne hanno sempre abusato (della banalizzazione e del bisogno di una risposta di senso degli uomini smarriti sotto il cielo) per elementari fini di potere (appropriandosi del monopolio sull’Aldilà) e scarso senso del limite.

Qualche matematico (con filosofo al seguito) anche. Per le medesime ragioni.

Set
03
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 03-09-2010

Da l’Espresso.it Brambilla: Io non c’entro. Il ministro del Turismo nega di avere alcun ruolo nell’organizzazione della contestazione contro Fini. Capezzone: “Insinuazioni surreali”. Valducci: “Roba fuori dal nostro Dna-

Eh beh, certo. Nessuno c’entra o centra. Nessuno è stato o Stato. Ci mancherebbe fossero vere tutte le basse insinuazioni che “partiti dell’odio” (tutti quelli che non si chiamano PDL) vanno spargendo per i sette mari (Golfo di Mexico compreso).

Anche se.

Chi altri mai dovrebbe organizzare pullman di liberi squadristi da spedire in quel di Mirabello (FE) per contestare l’infido reprobo, capo di Fu-turo e Libertà, se non la stessa rossa gran (insipida) Ministra  del (ormai, FU) Turismo?

E chi può ricorrere alle sue proprie reminiscenze artistiche, dimostrando così di non essere poi quel pistola che tutti si credeva (era l’altro), se non Capezzone (Si consiglia vivamente di leggere il nome “Capezzone” il più velocemente possibile curandosi non rimanga nessun residuo di tale accozzaglia di lettere sulla retina: qualora ne fosse lambito il nervo ottico ne sarebbe in breve invaso l’intero cervello… e… beh… sarebbero cavoli…)?

E, DNA, e genetica (perversa) tutta,  a parte, chi è  poi ‘sto Valducci?

Set
02
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 02-09-2010

Da La Repubblica.it- Renzi: “Verrà il tempo di riunire chi vuole un partito vincente”-

Scalpita il giovane puledro (alla sua età Alessandro Magno aveva già finiti tutti i compitini per assurgere all’empireo della Storia ed era, correttamente, già defunto) e giustamente ci prova a scalzare la vecchia guardia. Sarebbe anche buona regola, per i virgulti ambiziosetti, non nascondersi nella mutande del maggiorente di turno e battagliare con le proprie idee e la propria faccia, possibilmente evitando e il lamento e la retorica e i luoghi comuni.

E poi

Credere o far credere che basti un certificato anagrafico per accreditarsi come portatore del nuovo, intrufolarsi nelle stanze del potere e stare sul campo lo stretto necessario per fare le due/tre cosette di prassi e ritirarsi e vivere di rendita per il resto dei tuoi (e nostri anche, ahinoi) giorni…

Bill Clinton, Gerhard Schrhöder, Tony Blair. Tre piccoli (diversi tra loro, gli ultimi due decisamente vergognosi) es_empi di furbissimi “nobili ritiri”.

Uffa

Set
01
Filed under (lo sputo del cuculo) by minimax on 01-09-2010

Da The Guardian.co.uk- Tony Blair: I knew Gordon Brown would be a disaster-

Anticipando in un’intervista a The Guardian, i contenuti del suo libro di (perdibili) memorie,Tony Blair non perde occasione di bombardare (zero emotional intelligence) l’amico (?) di partito e, già che c’è, anche le residue convinzioni degli ultimi cretini che lo stesso Blair abbia in un qualche modo a che fare con una pur vaga idea di quello che normalmente si intende nel mondo, con l’essere di sinistra. Pur rispettando, però, in toto, la simpatica tradizione tipica della sinistra (e biblica, anche) d’ammazzare appena può lo stronzo fratellino.

Il neo-convertito al cattolicesimo Blair  si conferma fermamente convinto (a passionate defence) della necessità della guerra in Iraq.

Ovviamente si dice desolato, anzi dispiaciuto, anzi angosciato (anguish),  nel profondo dell’anima per la perdita di vite umane.

Ché, evidentemente, il “salto del fosso” comporta per contratto lo smarrimento del minimo senso comune, oltre alla consueta dose di faccia tosta assunta in insostenibili eppur tollerate dosi da chiunque approdi ad una qualsivoglia forma di Governo.

In effetti non è da adesso che la guerra ha come triste corollario la perdita di vite umane.

Oh my God!